Una Città da Amare

La lista “Una Città da Amare” si ispira ai valori fondanti di una società avanzata, libera, democratica, solidale con una proposta di città sempre più verde, ecosostenibile e sicura, che guarda con ambizione al futuro.
L’idea di Città che proponiamo è questa: una città verde, ecosostenibile, sicura nel tessuto sociale, quanto in quello territoriale. Una città che include, investendo sulla rigenerazione urbana dei quartieri, sulla messa in sicurezza del territorioattraverso la mitigazione del dissesto idrogeologico, sull’adeguamento sismico dell’edilizia privata e pubblica, sui servizi sociali, educativi, sanitari, culturali e progetta, creando le condizioni per uno sviluppo centrato sull’innovazione, sulle qualità umane ed ambientali e sulle infrastrutture del proprio territorio.
“Una Città da Amare” è il simbolo intorno al quale tutti i cittadini si dovranno unire, confrontare, dialogare e mai dividere,per una crescita costante e lungimirante della comunità e della città.
Partiamo da una solida base di credibilità e coerenza, in cui gran parte di quanto proponemmo nel 2015 ai nostri concittadini è stato realizzato: dall’impianto fotovoltaico a Paludi, all’edilizia scolastica, ai servizi, al turismo, alla cultura, alla riqualificazione dei quartieri, alle infrastrutture sportive e sociali, alle politiche del lavoro, alle tematiche ambientali.
Bisogna continuare su un solco già tracciato e ben delineato governando la città con determinazione, coraggio, competenze,ma soprattutto con AMORE.
La lista è formata da cittadini che mettono a disposizione competenze, risorse intellettuali ed energie per amministrare al meglio la “cosa pubblica”.
Siamo persone che provengono da realtà, competenze ed esperienze diverse, accomunate dal desiderio e dall’esigenza di mettere in campo e a disposizione della collettività le proprie idee per creare e lasciare ai nostri figli una città migliore rispetto a quella che ci hanno lasciato.
Abbiamo deciso di mettere a disposizione della comunità il nostro entusiasmo, la nostra determinazione e le nostre capacità al fine di costruire un programma che permetterà alla nostra città di compiere un ulteriore passo in avanti, dove l’ascolto, il pensiero e la riflessione vengono prima dell’azione.
Il programma proposto agli elettori sarà il frutto di un’attenta valutazione dell’attuale realtà locale dettata dall’esperienza maturata nel corso dei cinque anni passati e dalle idee e dai contributi dei nuovi esponenti.
Il nostro deve essere un percorso da attuare nel rispetto della trasparenza amministrativa, aperto al confronto, all’approfondimento, ispirato ai principi della democrazia partecipata, della solidarietà e della tolleranza.
I problemi che ci hanno attanagliato in questi cinque anni di mandato sono stati molteplici e diversi, non da ultimo l’emergenza Coronavirus, che insieme abbiamo superato con lucidità, equilibrio, razionalità e rispetto delle regole. Abbiamo avuto una unione collettiva e un alto senso di solidarietà e responsabilità. Un bagaglio di principi che ci appartiene e che va assolutamente preservato ed accresciuto, perché ci ha permesso di ripartire con umiltà e forza dopo il periodo più critico della storia contemporanea anche dal punto di vista economico.
Una crisi economica che sta mettendo a dura prova il tessuto di coesione sociale dell’Italia intera. Ampie fasce di popolazione si trovano a fronteggiare difficoltà economiche inattese ed inimmaginabili. Più che in passato servirà dunque rafforzare la coesione sociale e solidale per affrontare in maniera adeguata, sistemica e visionaria i problemi che si presenteranno.
La nostra azione di governo si svilupperà in evidente continuità con quella dell’amministrazione precedente che consegnerà al nuovo esecutivo un ricco lascito di progetti in gran parte già definiti.

L’orizzonte da seguire si sposta continuamente. Dobbiamo essere capaci di “volare alto” per accorgerci dei problemi, non in breve, ma a lungo termine. Per far ciò gli amministratori futuri dovranno essere inclini all’ascolto delle persone, alla riflessione di quanto queste asseriscono ed esprimono, aperti al confronto e al dialogo con ogni cittadino, affinché ognuno si senta protagonista attivo della crescita della propria città.  
Dovremo avere il coraggio di decidere per il meglio della nostra città e di chi la abita, ma ogni decisione dovrà esser presa con lucidità, razionalità e lungimiranza, valutando bene ogni  conseguenza delle nostre azioni per le future generazioni.